Pagine

domenica 27 novembre 2011

Due mini cuscini e...

Questo schema è di The Primitive Hare, mi è piaciuto molto ricamarlo.
Devo capire bene come chiudere il cuscino bene a mano, mi rimangono sempre quelle
frangettine in fondo, che son carine è, ma probabilmente sbaglio a cucirle...
beh, ci devo pensare su a come rifinirlo meglio.
Non avendo il nero l'ho realizzato con un marrone, che ora non ricordo bene quale (XD),
e ricamato su lino, che personalmente me ne sono innamorata subito.
Ho provato anche l'aida e quelli ricamabili.. beh, abbandonati,
non piacciono molto, sono un pò leggerini e non mi dicono niente, non mi soddisfano.
Devo dire che col lino è stato amore a prima vista *.*

Eccolo qui all'ingresso, circondato dalla lavanda,
dall'edera e dalle candele.


Sto provando varie tecniche con l'uncinetto e questo
è un'altro addobbo per il mio Alberello.


 Avevo del nero da finire 
e in pochi minuti ho realizzato questa mattonellina,
che è già stata prenotata dal marito per appoggiarci sopra uno dei suoi teschi..
  

Bucce di melograno sul davanzale della sala da pranzo,
Non so perchè ma queste cosine mi piacciono un sacco.
Non so, è come se mi richiamasse qualcosa 
di non buttarle ma di utilizzarle per qualcosa...


Un bell'azzurrino e...


un'altro cuscino.
Questa volta, per il retro,
ho utilizzato una stoffa leggera color panna,
è stato complicato cucirlo perchè continuava a scivolarmi via
e facevo fatica ad andare dritta.
Il risultato mi piace perchè è morbidissimo
e mi ha dato una gran soddisfazione.
Anche qui devo vedere meglio come rifinire meglio il sotto.


E... ecco la mia mania del momento.
Realizzare sacchettini all'uncinetto.
Ne sto già facendo altri due, a tempo perso.
Questo, sta bene con la camera visto che sono legata a due colori:
al blu e all'arancione.
Potevo metterci il bianco al posto dell'arancio ma non era quello che volevo.
Tutto a punto basso, e alto per il passante del cordoncino.
Davvero è una mania quella dell'uncinetto,
e poi finalmente so dove riporre le mie pietre e le mie erbe.
Posso crearne di diversi colori per i vari scopi.


E quando si intessano aghi e fili,
giungono da lontano voci sublimi
da farti accapponare la schiena e le mani.

Loro che parlano.
Loro che cantano.
Loro che tessono.

E quando si siedono e cantano,
e suonano l'arpa incantata
ti chiamano.

Loro che parlano.
Loro che cantano. 
Loro che tessono.

E quando Le chiami con il loro nome,
le tue mani non senti più, 
e il lavoro che stai eseguendo,
viene portato avanti da Loro.
Non pensi più al lavoro
ma alle voci e ai canti sublimi.

Loro che parlano.
Loro che cantano.
Loro che tessono. 

Loro sono il lavoro.
Loro sono il ricamo.

domenica 13 novembre 2011

Il mio cuscino stregoso

Una bimba che usa il mortaio e pestello della mamma.
Una bimba che usa tutto in cucina, le piace accendere il forno,
le piace mangiare, le piace usare le cose della mamma... soprattutto il mortaio.
Si diverte un sacco! Fa attenzione alle dita anche se una volta le è scappato
il pestello di mano... successo niente dopo qualche lacrima ha rincominciato a usarlo.
Avrà capito che si fa male se ci mette dentro le dita? Sperem!
E' una testona!!


Ecco la mia streghetta cucita!
Ringrazio tanto Violet per i consigli su come si fa un cuscino,
senza le sue dritte non ce l'avrei mai fatta!! 
E' un macello lo so, devo perfezionarmi e capire come si fanno
i punti esterni ... Ce la farò o non ce la farò?? 
Mi ha reso soddisfatta questa cosa del cuscino,
penso proprio che ne farò degli altri,
li adoro *.*

La streghetta si fa un giro sopra la scopina...


accanto al calderone...
 

...sopra il calderone...


... e finalmente ha trovato la sua dimora
sul mio altare in camera da letto, vicino alla mia
lampada di sale e al mio amatissimo Scoiattolo.


E ora vedo un pò agli addobbi di Yule...
Chissà cosa capiterà fuori con l'uncinetto...
Intanto ecco un semplicissimo cerchio fatto in pochi minuti ^^
Non è il massimo, ma questi due colori mi piacciono =D



   
Pian piano le foglie cadono, 
fanno fatica e si risollevano, 
senza trovare un posto in cui riposarsi
e lasciarsi andare.
Un vento che le sfiora
non sa della loro natura e riprendono
il loro cammino insieme ritrovandosi
 in un prato senza fiori e senza colori.
Solo, fra di loro,
dimora un grigio perlaceo
che si fionda fra la cima degli alberi
e ricasca lieve fra le foglie autunnali.

E rinomata sì è la scorciatoia,
affievolita da canti e cigolii notturni,
ripesca fra le sue onde impietrite
quel piccolo grano che è stato sepolto.

venerdì 4 novembre 2011

Un silenzio creativo

Chissà quanto durerà! 
Ho già poco tempo a disposizione e quando riesco faccio qualcosa di creativo, soprattutto ultimamente. 
Ho scoperto che l'uncinetto mi dà soddisfazioni. Non sono brava, giusto alle prime armi...
E qualcosa di vecchio e nuovo scorrono su queste pagine

Ed ecco il mio Jack.
Mi piacerebbe farlo a uncinetto... ^^

Progettino col pirografo...



 Uncinettando qualcosa...




Sorseggiando un fantastico tea!


E guardo la serra che ha costruito mio marito
per le nostre piantine.

Gusti e sapori si avvolgono,
prendono un sorso di vento
e lo avvolgono intorno alle mani
di chi sta creando.